-Ordine degli Architetti PPC della Provincia di Genova

Ordine degli Architetti PPC della Provincia di Genova #Viaggi di Architettura - Chicago la città dell’ Architettura

#Viaggi di Architettura - Chicago la città dell’ Architettura

#Viaggi di Architettura – 28esimo

arch. Roberto Melai 00393483805616

 

 

 

Oh, baby, don't you want to go
Oh, baby, don't you want to go
back to the land of California
to mah sweet home Chicago.
(da Sweet Home Chicago di Robert Johnson cantata da Dan Aykroyd e John Belushi in The Blues Brothers, pellicola
girata a Chicago e uscita sugli schermi nel1980)

 

Proposta per un viaggio di gruppo per architetti a Chicago dal 01 al 10 settembre 2019


Chicago è una città di circa 2.700.000 abitanti all'interno di un'area metropolitana di oltre 9.000.000 di abitanti e con una
superficie di 4.500 mq: cito questi grandi numeri perchè se "big" è la caratteristica che più caratterizza gli USA ai nostri
occhi -ma anche ai loro-, Chicago ne è una delle rappresentazioni più convincenti.
Come è noto i "grattacieli" sono la "specialità" di Chicago. Anche se la città è stata soppiantata nel ruolo di "prima
donna" sulla scena mondiale da Manhattan-New York, per numero e sviluppo verticale di questi singolari edifici, è qui
che sono stati pensati per la prima volta e costruiti in rapida successione dopo quel Great Fire del 1871 che aveva
completamente distrutto la città originaria, costituita nella sua totalità di case a struttura lignea e spesso, soprattutto nelle
zone residenziali, ancora con il rivestimento dello stesso materiale, le shyngle house.
La straordinaria avventura ebbe inizio nel 1885 con la costruzione dell' Home Insurance Building (demolito nel 1931) con
uno sviluppo di 10 piani su progetto di William Le Baron Jenney.
La città in quegli anni era già diventata uno dei principali nodi della rete di comunicazione tra Nord e Sud degli States
per la relativa vicinanza (circa 200 km in linea d'aria) dal Mississippi, il maestoso fiume navigabile che scende dai Grandi
Laghi per sfociare a New Orleans, e che è collegato con Chicago tramite il fiume Chicago e il canale Illinois; e tra Est
ed Ovest grazie alle linee ferroviarie realizzate attorno agli anni '60 dell'Ottocento.
Se lo sviluppo dell'industria ferroviaria a Chicago costituisce il background culturale e tecnico per l'adozione dell'acciaio
nelle costruzioni edili, è l'invenzione dell'ascensore nel 1853, e la sua diffusione a partire dal 1880, la condizione
necessaria per dare il via al vertiginoso sviluppo della nuova tipologia edilizia; ed alla rivoluzione radicale nell'idea di città
che da Chicago si diffonderà prima nelle grandi metropoli statunitensi e successivamente in tutto il mondo, capitalista o
meno.
A Chicago ci sono 325 grattacieli, molti di questi risalgono alla cosidetta "Scuola di Chicago" identificata dagli storici
come presupposto storico dell'architettura moderna nel riferirsi a quel gruppo di architetti che operarono tra la fine secolo
XIX e gli inizi del XX secondo ancora secondo la tradizione Beaux Art; spesso proponendo tuttavia un linguaggio
sperimentale che sfruttava le possibilità offerte dalle moderne tecnologie costruttive e sintetizzabile nell'adozione di
facciate generosamente finestrate: William Le Baron Jenney 1832-1907, Daniel Hudson Burnham 1846-1912, Dankmar
Adler 1844-1900, John Root 1850-1891, William Holabird 1854 - 1923, Martin Roche 1853-1927, e soprattutto Louis
Sullivan 1856-1924, sono i più noti.
Ma a partire dalla fine degli anni '30 a tutti gli anni '70 del secolo XX protagonista assoluto dell'architettura di Chicago, ed
uno dei principali Maestri sulla scena mondiale, diventa l'architetto tedesco Mies Van der Rohe influente direttore dal
1938 della Facoltà di Architettura allo IIT Campus da lui stesso progettato.
A Chicago Mies realizza alcuni dei suoi edifici simbolo: l' IIT Campus per l'appunto tra il 1943 e il 1956, il Federal
Building nel 1959, l' IBM Building nel 1966, e la 860-880 Lake Shore Drive nel 1948-52, mettendo a punto quel
particolare ed elegante linguaggio architettonico la cui banalizzazione e volgarizzazione diventerà impropriamente il
cosidetto International Style.
E non lontano dalla città, a Plano a un centinaio di chilometri verso West, tra il 1946 e il 1950 costruisce Farnsworth
House per una ricca medico chicagoan, Edith Farnsworth; un capolavoro assoluto, un'icona per generazioni di architetti
modernisti dove Mies porta i massimi livelli la sua filosofia progettuale minimalista, riepilogabile nei suoi due motti più
noti: -less is more e God is in the details
Sempre a Chicago, ancorchè non coinvolto nella vicenda dei grattacieli, si sviluppa il profilo di un'altro protagonista di
piano della scena mondiale dell'architettura: Frank Lloyd Wright che, dopo aver lavorato alcuni anni nello studio di Louis
Sullivan, sviluppa un proprio personalissimo, e per la sua parte, rivoluzionario linguaggio architettonico, ponendo al
centro dell'architettura lo spazio ed il rapporto con l'esterno, con la natura. E lo fa soprattutto nelle cosiddette prairie
houses che costruisce numerose nel nascente quartiere residenziale di Oak Park, ad ovest di Chicago, tra il 1890 ed il
1910; e nella Robie House realizzata invece a sud della città tra il 1908 e il 1910.
Ancora non molto lontano da Chicago, considerate le distanze statunitensi si tratta di soli 120 km verso nord sul Lago
Michigan, a Racine Wright realizza il S. C. Johnson & Son Inc. administration building (1936-39, a cui aggiungerà la torre
per l'elio-laboratorio, 1944-50) negli stessi anni in cui costruisce casa Kaufman (più nota come la casa sulla cascata) in
Pennsylvania; anni che corrispondono ad una seconda e feconda fase creativa di Wright tanto da essere assunte
anch'esse come icone di successive generazioni di architetti in formazione, quantomeno fino alla mia; non conosco
quale siano gli orientamenti in materia da parte degli studenti o degli architetti più giovani.
Non procedo oltre nell'illustrazione dei successivi sviluppi dell'architettura a Chicago che hanno visto operare la lunga
lista di architetti illustri richiamata nel titolo di questo viaggio, e non solo, e la nascita di ardimentosi grattacieli tra i più
alti al mondo come la Willis Tower (nato come Sears Tower nel 1973) di 443 mt o il John Hancock Building (1969) di 321
mt entrambi progettati da Skidmore, Owings & Merril (SOM); queste brevi note mi sembrano sufficienti a mettere in
rilievo il ruolo svolto dall'architettura nel costruire il volto di questa città; e quindi i molteplici interessi che può stimolare in
un viaggiatore curioso.
Aggiungo che negli ultimi venti anni si è assistito ad un nuovo fenomeno: dopo decenni di investimento in esempi di
architettura autoreferenziale, chiusa perciò nel suo piccolo o grande lotto, ma di amplificazione massima del messaggio
promozionale e aziendale, si è passati ad investire nell'architettura dello spazio pubblico sia attraverso operazioni
pubbliche "dirette" sulla città, sia come pacchetti aggiuntivi di vaste operazioni immobiliari private: la passeggiata sul
Chicago River e il Millennium park, dove hanno lavorato i più importanti ed innovativi landscape architects statunitensi,
sono gli episodi più eclatanti tra i tanti che hanno trasformato completamente il volto della città.
Non a caso a partire dai primi anni 2000 la città si è trasformata in una ridente ed attrattiva città turistica senza nulla
perdere della sua austera eleganza.


Molto sinteticamente il viaggio:
- si svolgerà dal 1 settembre con partenza dall'aeroporto Milano Malpensa (MXP) ed arrivo a Chicago O'Hare (ORD)
con voli Delta/Air France via Atlanta (CDG) e ritorno il 10 settembre dopo una notte in volo tra Chicago e Amsterdam;
e prevede:
- il pernottamento per 8 notti con colazione in un hotel 4 stelle in Chicago downtown in ottima posizione,
- l'escursione a Plano per visitare la Farnsworth House di Mies Van der Rohe
- l'escursione a Racine per visitare il S. C. Johnson & Son Inc. administration building di Frank Lloyd Wright e, nella
stessa giornata, a Milwaukee per visitare il Milwaukee Art Museum che è composto da un edificio progettato da Eero
Saarinen nel 1957 come Milwaukee War Memorial Center e lo spettacolare Quadracci Pavilion di Santiago Calatrava
del 2001;
- l'utilizzo di un pullman da 40 posti per i transfer dall'aeroporto in arrivo all'albergo e viceversa, e per altre quattro
giornate a tempo pieno.
Il costo del viaggio è di € 2.500,00 a persona (stima per n. 30 partecipanti da aggiornare sul numero effettivo) e
comprende:
- voli Air France Nizza - Chicago AR
- n. 8 notti in albergo 4 stelle colazione compresa in camera doppia o matrimoniale,
- assicurazione sanitaria di viaggio tipo Europe Assistance,
- fascicolo del viaggio,
- pullman per Genova -Milano MXP A/R,
- pullman a Chicago per 6 giorni, comprese le escursioni a Plano, Oak Park, Racine e Milwaukee e i tranfer da e per
l'aeroporto in arrivo e in partenza,
- i biglietti di accesso ai musei e per le visite guidate agli edifici di F:L.Wright
- l'escursione in battello sul Chicago River.
Non comprende pranzi e cene, mance, trasporti su mezzi pubblici e quanto non espressamente indicato
Per la camera singola il sovrapprezzo è di € 700.000.


Per informazioni o richiedere il programma più dettagliato chiamare entro il 15 giugno 2018 il collega Roberto Melai al
3483805616 o scrivere a melai@architettomelai.com.


Il viaggio è organizzato con il patrocinio dell'OAPPC di Genova e garantisce n.5 crediti formativi agli iscritti.
Genova 15 maggio 2019 aggiornata il 28 maggio
Roberto Melai


Arrivo a Chicagoland (da Marco d'Eramo, Il maiale ed il grattacielo, Milano 1995, 2005)
Ti aspetti la città di Al Capone e trovi viali sereni, tra gli edifici neoclassici dell’Esposizione universale del 1893.
Letture giovanili ti parlano dei mattatoi di Chicago; invece ti appaiono fantastici grattacieli. Il centro città ti si
dispiega miracolo d'architettura, che sta all’urbanistica del Novecento come Venezia a quella del Quattrocento.
Ti aspettavi una città continentale, al centro del Nordamerica, e ti si para una città marina. Per noi un lago
grande è come il Lago di Garda o il Lago di Zurigo.Più spesso, la parola lago evoca le pozze alpine o le gocce
dei castelli romani, il Lago di Nemi. Qui il Lago Michigan è un mare che si stende davanti a te
sconfinato,60.000 kmq di superficie, 150 chilometri per 400, come il Mare Adriatico. Le tempeste si abbattono
sui frangiflutti e a volte gli spruzzi delle onde invadono l’autostrada urbana del “Lakeshore drive”, un vero e
proprio lungomare.
D’altronde l’area metropolitana di Chicago sembra disporsi lungo questo mare come una striscia lunga quasi
200 chilometri, da sud a nord, dall’Indiana al Wisconsin, e se Gary in Indiana fa già parte di "Chicagoland”,
Milwaukee in Wisconsin sta per esserne fagocitata, in un unico immenso agglomerato litoraneo.
D’inverno la morsa dei ghiacci stringe i grattacieli, i parchi, i suburbi sconfinati di villette unifamiliari. Dove il
litorale è più aperto, le onde marine sono state paralizzate dal gelo mentre si abbattevano sulla riva e restano
lì, sollevate a strati, lastre oblique di ardesia bianca bluastra, sovrapposte l'una sull’altra, inclinate ad angolo
acuto sulla superficie.
Nei porticcioli, i pescatori siedono sul ghiaccio, su vere e proprie sedie, davanti ai buchi in cui immergono le
lenze: le autorità avvertono di mangiare non più di una volta la settimana i pesci pescati nel lago vicino alle
rive urbane, e di stare attenti ai pesci più grandi, cioè più vecchi, che hanno assorbito più inquinamento. Ma la
gente se ne frega. D'altronde tutta l’acqua potabile della città arriva dal lago, da una conduttura che porta
l’acqua dall’altomare (dall’"altolago”).
Più di qualunque altra città marina, Chicago è squassata dal vento. Non per nulla il suo nomignolo è Windy
City, la “città ventosa”, come è scritto anche sui pulmini scolastici, gli School buses.
Le raffiche piegano i passanti, svellono i pali dei semafori. In tv, le previsioni del tempo non forniscono una
sola temperatura, come da noi. Ne danno due: quella dell’aria e quella del vento (un po’ come dare la
temperatura estiva all’ombra e al sole). L’aria può essere a 10 sotto zero, ma il chili (il "gelo") del vento è a 30
sotto zero. Le ventate più glaciali vengono da nordovest,quando dall’Artico e dalla Siberia non trovano ostacoli
nella loro discesa lungo la piana canadese. Con questo vento, con questi inverni, le stazioni della
metropolitana sono sopraelevate all’aperto, senza nulla per riparare dalle folate di gelo. Chi prende i trasporti
pubblici lo fa a suo rischio e pericolo: non usare -o non avere- l’automobile esige una punizione.
Ma già a primavera i marciapiedi delle strade sono invasi dai tavoli dei ristorantini. Al minimo tepore, costumi
da bagno, canottiere, body. D’estate la folla si accalca sulle spiagge, come nei grandi lidi urbani,Glifada ad
Atene, o San Sebastian. Molti fanno il bagno. Nel 1919 la prima sommossa urbana razziale scoppiò sul lido:
un giovane nero aveva traversato in acqua la linea invisibile che separava i bagnanti di colore dalle ragazze
bianche, e fu ucciso. D’estate i parchi lungo il lago si animano: festival di blues, concerti all’aperto, picnic e
barbecue, palla a volo, struscio, drague.
Nei week-end la distesa azzurra si punteggia di una miriade di vele bianche.
Questo mare rende anomala la geografia sociale di Chicago. In altre città interne degli Usa è dei ricchi l’ovest
dall’aria pura, poiché il vento vi soffia per primo; è dei poveri l’est inquinato, in cui arriva l’aria già lordata dalle
industrie e dagli umani.
Così East St. Louis. (anche a Londra e a Parigi la borghesia opulenta si è insediata all’ovest e ha lasciato l’est
alla classe operaia.) Qui invece il mare Michigan pone un limite invalicabile a est, e la distesa di terra si stende
piatta come un biliardo per centinaia di miglia a settentrione, a meridione, a ponente. Il quartiere più ricco della
città si adagia dunque lungo le sponde del lago e l'asse ovest-est è sostituito da quello nord-sud: da sempre
sono stati situati a sud i fetori, le fabbriche, i mattatoi, le raffinerie di lardo, gli stabilimenti puzzolenti dai
miasmi acri: raffinerie di petrolio e acciaierie accalcano le loro ciminiere verso Gary, al confine con l’indiana.
Quasi solide nel loro spessore, dense volute di fumo multicolore, a volte arancioni, a volte bluastre,
s’innalzano nel cielo. È nel profondo sud di Chicago che si trovano i ghetti neri.
Invece, subito a nord e a sud dal centro degli affari, ecco i porticcioli con migliaia di barche da diporto. E anche
un aeroporto per velivoli privati e un idroporto per idrovolanti.
Il quartiere chic, la Gold Coast (la “Costa d’oro”), è una delle zone residenziali più ricche degli Stati Uniti.
Sempre parallelo al lago si stende il “corso” di Chicago, la Michigan Avenue (da cui il nomignolo “Boul Mich”,
lo stesso che i parigini affibbiano al loro Boulevard Saint-Michel). Nella parte appena a nord del Chicago River,
la Michigan Avenue è soprannominata Magnificent Mile (“Miglio magnifico”) per il lusso di boutique e palazzi.
***
Verso l’interno, a ovest, a meno di un chilometro dal Magnificent Mile si erge ancora il complesso di edilizia
popolare, dove il reddito familiare è quaranta volte più basso, dove la popolazione è nera, dove può capitare
che un bimbo di otto anni sia ucciso da una pallottola vagante mentre traversa la strada da casa a scuola: così
vicina al lusso, Ca-brini-Green è una tale vergogna che la Chicago Housing Authority ha deciso di buttare giù
almeno gli high rise. Non ci sono due Chicago, una fastosa e una misera. C’è una sola Chicago, con i suoi
innumerevoli teatrini di avanguardia, i deliziosi ristoranti vietnamiti, afghani, peruviani, i mitici locali di blues e
di jazz, le gang e i casermoni popolari.
Dal 1992 al 2000, otto anni d’ininterrotta prosperità hanno ridisegnato la geografìa urbana, demolito vecchi
orrori, sostituiti da civettuoli villini urbani. Dove una volta sorgeva il mercatino delle pulci di Maxwell Street,
oggi l’University of Illinois sta riqualificando l’area accanto al campus. Eppure anche ora vedi bambini che
giocano nella melma, pile di pneumatici, corpi scuri coperti da strati di “sacchi a pelo ambulanti”, immagini che
ti ricordano le strade di Lucknow o di Kanpur in Uttar Pradesh, India: bancarelle con fuochi di carbone, pile di
pneumatici, bambini che giocano nella melma, corpi scuri coperti da strati di "sacchi a pelo ambulanti”. Qui, gli
abitanti di questa metropoli moderna, del paese più potente e più ricco del mondo scavano fra le immondizie,
immergono testa e torace nei bidoni: "Si vedono certi animali feroci, maschi e femmine, sparsi per la
campagna, neri, lividi,bruciati dal sole, attaccati alla terra che frugano con un’ostinazione invincibile; hanno
come una voce articolata e, quando si alzano sui loro piedi, mostrano un viso umano, e in effetti sono uomini.
Di notte si ritirano nelle loro tane dove vivono di...”. Così tre secoli fa Jean de La Bruyère descriveva i
contadini del suo tempo. Non sapeva quanto i cittadini di questa metropoli gli avrebbero somigliato. E però
l'University of Illinois è solo una delle sette università di Chicago con le loro decine di premi Nobel e di premi
Pulitzer.
“A differenza di New York o San Francisco o Los Angeles,” mi dice James Weinstein, uno dei personaggi
storici della sinistra americana, fondatore del quindicinale “In These Times", "a Chicago tu hai il reality check, il
‘test di realtà', cioè vedi quel che pensa l’America vera, sei immerso nell'America profonda.” Più che se fossi a
Des Moines, Iowa, o a Omaha, Nebraska, dove c'è solo una parodia di città, perché qui a Chicago hai ancora
un centro cittadino (trovi persino le edicole con i giornali, un’istituzione assente anche in grandi città come
Denver, Colorado), qui hai la metro, ci sono persino i trasporti pubblici, ma è già l’America dei suburbi, quella
di un centro relativamente piccolo circondato dalla sconfinata distesa di villette unifamiliari dei suburbs (i
"suburbi”, più che i "sobborghi”).
Parli con una femminista di un quartiere ricco, o con una trotzkista della Società storica di Chicago, o con un
editorialista terzomondista (i più lontani apparentemente dal conformismo del "sogno americano”); ognuna e
ognuno a modo proprio esprimono un amore sconfinato per questa città.
Scavi e nel fondo trovi i motivi più disparati, la vitalità dei sindacati, della cultura alternativa, della galassia nera.
Ma in realtà trasuda anche da questi anticonformisti minoritari quell'idea così americana, così capitalista, per
cui l’ideale dell’essere umano è vivere nella casetta unifamiliare di sua proprietà, separata da un prato dalle
casette altrui, e insieme godere delle urban amenities, e cioè concerti, teatri, ristoranti, cinema. L’idea che
Chicago sia insieme una periferia (piacevole da abitarci) e una metropoli centrale (in cui andare a passare la
serata).
Chicago aiuta a rispondere a un’altra domanda che, mi diceva Wolfgang Schivelbusch, tutti ci poniamo dopo
un certo periodo negli Stati Uniti: "Quand’è - e come - che gli europei emigrati qui hanno smesso di essere
europei e sono diventati americani? Che cosa li ha resi così impercettibilmente, ma così chiaramente diversi
nel modo di convivere, di abitare, persino di usare gli strumenti?”. Ovvero, per dirla con Werner Sombart nel
suo libro dal curioso titolo Perché negli Stati Uniti non c’è il socialismo? (1906): Che cosa ha Norimberga in
comune con Chicago? Null’altro che le caratteristiche esteriori [e oggi nemmeno quelle], il fatto che molti
uomini abitano in strade, in stretta vicinanza, e che dipendono per il loro sostentamento dal rifornimento
esterno. Per quanto riguarda Io spirito, nulla. Mentre Norimberga è una formazione simile al villaggio,
cresciuta organicamente, Chicago è una vera "città”, costruita ad arte secondo princìpi “razionali”, nella quale
(direbbe Tönnies) sono cancellate tutte le tracce di comunità ed è abbattuta la società pura. E se, nella
vecchia Europa, la città è (o, per meglio dire, lo era fino ad oggi) formata sull'immagine del villaggio, portando
in sé il suo carattere, negli Stati Uniti, al contrario, la piatta campagna è in definitiva solo un insediamento
cittadino al quale mancano le città.
Chicago esprime la verità dell’America anche per un’altra ragione. In Europa il capitalismo è mascherato,
imbrigliato dall’eredità della storia: in Francia dalla tradizione dello stato nazionale, in Italia dalla chiesa, in
Gran Bretagna dalla nobiltà. Da noi il capitalismo trova un ostacolo nella tradizione già stratificata, nei costumi
cristallizzati, nei pregiudizi che affondano nella notte.
Invece qui, negli Stati Uniti, percepisci il capitalismo in tutta la sua potenza nuda, in tutta la sua carica
sovversiva che trasloca vite intere dalla foce del Mekong, dal delta dell’Indo a climi polari. Vedi il capitale nella
sua capacità di plasmare gli individui, persino nel modo di muoversi, abitare, mangiare, nel palato, nel tatto,
nella sessualità. "Per il capitalismo gli Stati Uniti d'America sono la terra di Canaan: la terra della promessa.
Infatti solo qui sono state soddisfatte tutte le condizioni di cui esso abbisogna per lo sviluppo pieno e totale
della sua natura. Come in nessun altro luogo, paese e genti erano creati per sollecitare la sua evoluzione alle
forme massime”: non a caso con queste parole Werner Sombart iniziava il suo libro nel 1906.
Anche in questo Chicago è la più americana delle città statunitensi. In nessun altro luogo al mondo la fede
nella potenza liberatoria del capitale, la religione capitalista è altrettanto integralista come qui. Se gli Stati Uniti
sono la terra di Canaan del capitalismo, Chicago è la loro Gerusalemme. McDonald’s è una multinazionale di
Chicago (per misurare la violenza e la velocità con cui i costumi s’impongono, si pensi che il primo McDonald’s
è stato aperto non più di 45 anni fa, nel
1959: e sono bastati 36 anni perché la vita americana sia impensabile senza i McDonald’s). Solo un altro
esempio: l’istituto di arte di Chicago è uno dei più grandi e bei musei del mondo, grazie a mecenati salumieri e
macellai. Ma qui i mecenati non si sono limitati a segnalare il loro nome sulle piastrine vicino ai quadri come in
tutti gli altri musei.
Qui, se cerchi una precisa opera di un preciso pittore (Nighthawks, "Il bar di notte” di Edward Hopper, per
dirne una), puoi pedalare: qui le tele sono organizzate in funzione dei donatori, non degli artisti. In una sala
trovi i quadri donati dal signor x, tra cui un Picasso, un Hopper e un Utrillo. Poi, dieci sale più in là, in un unico
locale, ecco i quadri regalati dal signor y e trovi un Matisse, un Lichtenstein e di nuovo un Hopper: epoche
lontane, generi diversi, pittori incompatibili sono sussunti e riuniti sotto l’egida del mecenate. E così via: nel
museo d’arte, soggetto non è l’artista, è il donatore.
Ultima annotazione: è inutile negare che questa città si fa volere bene, è come affettuosa. Insieme ai politici
più corrotti d’America, alle gang più violente, ai capitalisti più spietati, fioriscono qui i movimenti di base più
generosi. Sotto gli alberi del parco Lincoln, vicino al lago azzurro, gli scoiattoli ti guardano sfrontati, la testolina
inclinata. Paffuti, si grattano la pelliccia bianca del petto quasi pregustando la nocciola che tendi, mentre la
coda riluce incorporea nei raggi di sole.